• COLLEFERRO



    Proponiamo in Vendita
    Appartamento

    centrale, 3 locali con corte esclusiva

    €. 49.000
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Vendita
    Appartamento

    Appartamento duplex in Piazza Aldo Moro

    €. 250.000
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Vendita
    Appartamento

    Appartamento mansardato - zona residenziale - panoramico

    €. 123.000
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Affitto
    Appartamento

    centrale 4 locali ARREDATO

    €. 450
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Affitto
    Negozio

    Negozio vicinissimo Ospedale cittadino

    €. 400
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Affitto
    Appartamento

    Mansarda arredata una camera letto

    €. 370
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Vendita
    Appartamento

    Appartamento in zona residenziale II piano con ascensore

    €. 138.000
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Vendita
    Negozio

    Locale commerciale di ampie dimensioni

    €. 149.000
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Vendita
    Appartamento

    Appartamento in zona residenziale al primo piano

    €. 74.000
  • COLLEFERRO



    Proponiamo in Vendita
    Appartamento

    Bilocale Corso Turati

    €. 49.000

RICERCA IMMOBILI






 

MUTUI, SE VUOI COMPRARE CASA NON HAI MAI TROVATO TASSI COSÌ CONVENIENTI.

16 mar 2016
Continua il buon momento per il mercato dei mutui.

Dopo l'annuncio dell'ulteriore taglio dei tassi della Bce, notizie confortanti arrivano anche dall'Abi, l'associazione dei bancari italiani. Secondo il bollettino mensile, infatti, chi vuol comprare casa potrà usufruire di tassi molto vantaggiosi, che a febbraio hanno toccato il minimo storico del 2,40%. Il tasso medio sulle nuove operazioni per acquisto di abitazioni si è attestato al 2,40% toccando il minimo storico (2,49% il mese precedente; 5,72% a fine 2007). Sul totale delle nuove erogazioni di mutui circa i due terzi sono mutui a tasso fisso. Sulla base degli ultimi dati ufficiali disponibili, relativi a gennaio 2016, inoltre, l’ammontare complessivo dei mutui in essere delle famiglie ha registrato un variazione positiva dello 0,8% nei confronti di fine gennaio 2015. Le sofferenze nette (cioè al netto delle svalutazioni già effettuate dalle banche) a fine gennaio 2016 sono pari a 83,6 miliardi di euro rispetto agli 89 miliardi di dicembre, in diminuzione di oltre 5 miliardi di euro.
 

indietro